Preston Glasgow Lowe – Something About Rainbows [Whirlwind 2018]

Preston Glasgow Lowe – Something About Rainbows [Whirlwind 2018]

Jan 10, 2019 0 By Marcello Nardi

Italian version below

The definition of ‘trio’ spans such distant extremes, from nuanced, chamber derived line-ups to rave, aggressive, even electronic outbursts, to have become such a mysterious formula for success in jazz music. Giving the most iconic trio line-up is the piano trio, electric trios in jazz and fusion have been often labeled as ‘power trio’ thus indicating a different league of their own and placing them on the other end of the spectrum: thunderous, driving, rock-oriented grooves and the prejudicial belief electricity brings less attention to detail. Preston Glasgow Lowe trio is exactly undermining this opposition between the two ends of the definition, working the power electrified trio as if they were a piano trio, with subtle attention to smallest details, shining the surface of their hard-edged and rumbling music. There’s an inner sense of intimacy, even when their music becomes frenzy, sharper and virtuoso oriented, that pervades the second recording of this trio.

Something About Rainbows follows up the debut album David Preston, Kevin Glasgow and Laurie Lowe released in 2016, named after their last names. The three of them are rising stars in the sparkling British jazz scene and have already a wealth of an experience in playing with renowned artists: the guitarist David Preston worked with Melody Gardot among others, the bassist Kevin Glasgow has gained exposure with British jazz elders such as Tommy Smith, Tim Garland and master drummer Asaf Sirkis, while drummer Laurie Lowe played with Gilad Atzmon, another jazz elder as Andy Sheppard and Nicolas Meier among the others. The trio formed in 2012 and soon released a three-songs EP, which showed immediately an impressive array of virtuoso techniques by all the three of them. Preston showing polished and impressively fast licks on a clean Gibson guitar tone, Glasgow contributing with its impressive use of guitar-derived techniques such as tapping and sweeps and Lowe adding frenzy polyrhythmic hysteria. This jazz fusion influenced set of rules is still there after they released their debut album for Whirlwind records. Going in retrospect, the trio has changed much under the surface of their sound, working a lot -they released their debut only four years after they formed- to progress the interaction between the three. While the virtuoso element is still the main thing in Preston Glasgow Lowe, yet the second release seems to take a leap further. As we toured our first album, we were actively exploring new material and discovering a greater harmonic, rhythmic and dynamic range, explains Preston. So alongside the heavier, metal-rock feel – more full-on now than anything we’ve previously created – increasingly delicate and conceptually open expressions appeared, so consequently the new compositions feel more pristine yet a lot freer, each having its own feature.

There’s so much happening in the initial minutes of Fumes: the shimmering chord intro, seemingly an etude in II-V-I cadences by David Preston, is brilliantly counterpointed in polyrhythmic additions by Kevin Glasgow and playful rimshots by Laurie Lowe. When the guitar moves to a descending arpeggio theme, cymbals are joyously answering. Then the two themes are repeated with small variations allowing again Glasgow and Lowe to revert the scene once more from a different angle and putting in place a completely new set of solutions. The change of tonal center that prepares for the more improvised second part of the tune is only partially dedicated to the individual solos, with Preston hinting to small excerpts rather than standard soloing until the ending closure by Lowe. The warm and leading voice of Glasgow plays a pivotal role in the initial track at times playing with a behind the beat feel, that sits somewhere in the middle between a latin and funky feel.

David Preston‘s playing is not concealing his admiration for guitarists such as Pat Metheny and Kurt Rosenwinkel: his distinctive voice is often made by a melodic usage of a warm clean tone with very few effects, maybe some reverb and barely hearable delay at times. Then he likes to add occasional distortions or bits of other effects that still make evident the sound underneath. Still he is deeply influenced by a guitarist so different from the previous ones, like Allan Holdsworth, and by his masterful usage of extended legato techniques. The title track is a tribute to old 80s fusion and the guitar tone is added with extra raw distortion. Preston starts the initial convoluted chord voicings that put an ambiguous tonal environment in place, enhanced by Glasgow‘s fuzzed funk bass and by Lowe playing a driving Cobham-style drumming. Differently than initial track, this time Preston takes a personal solo for the majority of the piece. The four initial notes of his stint immediately put it in a typical Holdsworthian atonal environment, until it grows bigger and bigger and finally explodes with an impressively executed flow of legato and sweeps.

Alongside the heavier, metal-rock feel – more full-on now than anything we’ve previously created – increasingly delicate and conceptually open expressions appeared

Truex is another highlight of the album: a doubled notes pattern over a sort of laid back feel imbued of electronic influences -reading the name of Boards of Canada wouldn’t be surprising here- shows how well they are able to move on the edge between acoustic flavor and electric influences, still retaining their trio approach. Similarly works Beat 5: a four-beat rhythm with an odd rhythmic feel in five beats, that David Preston initially composed on a sequencer, excites Lowe‘s accelerating and decelerating. The guitar’s sound is so pristine and crystal clear to play a contemporary pop ballad through the lens of impressive trio dynamics, again supported by the harmonic wisdom of Kevin Glasgow. The closing track restores an apparently more austere mood. The serial theme of HWH, that Kevin Glasgow plays in unison with David Preston, was composed by the bassist after composer Hans Werner Henze, whose initials make the name of the tune, and seems to recall an atmosphere similar to some Ben Monder‘s atonal explorations. The track goes wild while still keeping an intimate feeling: David Preston starts a meditative solo that eventually fades in a couple of minutes to suspended chords. The initial theme, now slowed, comes back in for tapestry of Kevin Glasgow intense solo.

A mature approach showing a depth of solutions and details, Something About Rainbows marks a leap forward for Preston Glasgow Lowe trio. Using an enriched bag of tools, where virtuoso is now declined in a more flexible way than it was in the past, they are now reaching an higher level of exploration, of detailing smallest nuances that puts them in between between jazz and fusion with a very distinctive voice.

Preston Glasgow Lowe
Something About Rainbows

1.Fumes
2.Beat 5
3.Something About Rainbows
4.May
5.Truex
6.3D Weirdos
7.HWH

David Preston – guitar
Kevin Glasgow – bass
Laurie Lowe – drums

ALBUM CREDITS

Recorded and engineered by Adam Peters at Concrete Jungle (3, 4, 10, September 2017)
Mixed and mastered by Tyler McDiarmid, New York (July/August 2018)
Music arranged by Preston Glasgow Lowe
Produced by David Preston and Kevin Glasgow
Executive Producer – Michael Janisch
Photography by Josh Rose
Album Graphic Design by Sophie Moates

Versione in italiano

La definizione di “trio” cambia in maniera radicale a seconda del punto di vista, partendo da formazioni cameristiche, che prestano maggior attenzione alle sfumature fino ad arrivare ad altre aggressive e perfino elettroniche, tanto da esser diventata una formula misteriosa per il successo nella musica jazz. Se il trio più conosciuto é il piano trio, i gruppi elettrici nel jazz e nella fusion sono stati spesso etichettati come “power trio”, indicando così una categoria diversa diversa e ponendoli dalla parte opposta dello spettro: fragorosi, pompati, ricchi di groove rock e basati sul pregiudizio, che lo statuo elettrico porti meno attenzione ai dettagli. Il trio Preston Glasgow Lowe mette in crisi esattamente questa opposizione tra i due estremi, facendo lavorare il trio elettrico come se fosse un piano trio, con una sottile attenzione ai più piccoli dettagli, facendo risplendere la superficie della loro musica dai bordi duri e rumorosi. C’è un senso di intimità, anche quando la loro musica diventa frenetica, più spigolosa e orientata verso il virtuosismo, che pervade il secondo album di questo trio.

Something About Rainbows segue l’album di debutto che David Preston, Kevin Glasgow e Laurie Lowe hanno pubblicato nel 2016 e nominato semplicemente con i loro cognomi. I tre sono stelle nascenti nella scintillante scena jazzistica britannica e hanno già una ricca esperienza con artisti conosciuti: il chitarrista David Preston ha lavorato con Melody Gardot tra gli altri, il bassista Kevin Glasgow ha guadagnato visibilità con nomi affermati del jazz britannico come Tommy Smith, Tim Garland e il batterista Asaf Sirkis, mentre il batterista Laurie Lowe ha suonato con Gilad Atzmon, un altro jazzista di lungo corso come Andy Sheppard e Nicolas Meier, tra gli altri. Il trio si é formato nel 2012 e ha pubblicato subito un EP di tre pezzi, che ha messo in vetrina immediatamente un’impressionante serie di tecniche virtuose da parte di tutti e tre. Preston equipaggiato di lick pulitissimi e incredibilmente veloci su un suono clean della chitarra Gibson;  Glasgow con il suo impressionante uso di tecniche derivate dalla chitarra come tapping e sweep; Lowe dotato di una frenetica isteria poliritmica. Questo background fusion jazz è ancora lì dopo aver pubblicato il loro album di debutto per Whirlwind, ma, guardando le cose a ritroso, il trio ha cambiato molto sotto la superficie del loro suono, lavorando – hanno pubblicato il loro debutto solo quattro anni dopo che si sono formati – per incrementare la loro interazione. Mentre il virtuosismo è ancora il fattore principale in Preston Glasgow Lowe, il secondo album sembra fare un ulteriore passo in avanti. Mentre risuonavamo il nostro primo album, stavamo esplorando nuovi materiali in maniera creativa e scoprendo una gamma armonica, ritmica e dinamica più ampia, spiega Preston. Così, accanto al suono metal-rock più pesante, più pieno di quello che abbiamo creato in precedenza, sono apparse espressioni sempre più delicate e concettualmente aperte, quindi di conseguenza le nuove composizioni suonano più incontaminate, ma molto più libere, ognuna con una propria caratteristica.

Accadono tante cose nei primi minuti di Fumes: l’intro luminescente di accordi, apparentemente uno studio sulle cadenze II-V-I di David Preston, è brillantemente contrappuntato dalle aggiunte poliritmiche di Kevin Glasgow e dal playing spumeggiante sul rullante di Laurie Lowe. Quando la chitarra si sposta su un tema fatto da un arpeggio discendente, i piatti rispondono ancora in maniera vivace. Quindi i due temi vengono ripetuti con piccole variazioni, consentendo nuovamente a Glasgow e Lowe di ripristinare la scena da un’angolazione diversa e di creare una serie di soluzioni completamente nuove. Il cambiamento del centro tonale che prepara la seconda parte più improvvisata è solo parzialmente dedicato agli assoli veri e propri, con Preston che suggerisce piccole frasi piuttosto che un solo strutturato, fino alla chiusura finale -irruenta e aggressiva- di Lowe. Il suono caldo in primo piano di Glasgow gioca un ruolo fondamentale nella traccia iniziale, a volte suonando con un feel dietro al ritmo, con uno stile a cavallo tra latin e funky.

Il modo di suonare di David Preston non nasconde la sua ammirazione per chitarristi come Pat Metheny e Kurt Rosenwinkel: la sua voce distintiva ruota spesso intorno ad un uso melodico di un tono clean, caldo e con pochissimi effetti, occasionalmente qualche riverbero e un delay appena percettibile. Quando aggiunge distorsioni o altri effetti, lo fa rendendo ancora più evidente il suono sottostante. É influenzato anche da un chitarrista opposto per certi versi a quelli precedentemente nominati, come Allan Holdsworth, e dal suo uso magistrale delle tecniche del legato. La title track è un tributo alla fusion anni ’80 e il tono della chitarra é colorato con una distorsione grezza. Preston apre i voicings iniziali -contorti e lontani da una risoluzione armonica- degli accordi, che creano un ambiguo ambiente atonale esaltato dal basso funk di Glasgow e da Lowe che suona un ritmo molto tirato a la Cobham. A differenza della traccia iniziale, questa volta Preston prende un assolo per la maggior parte del pezzo. Le quattro note iniziali della sua improvvisazione lo mettono immediatamente in un tipico ambiente atonale simile a Holdsworth. La linea melodica diventa sempre più grande e infine esplode con un flusso di legati e sweep eseguiti in maniera spaventosamente virtuosistica.

Accanto al suono metal-rock più pesante, più pieno di quello che abbiamo creato in precedenza, sono apparse espressioni sempre più delicate e concettualmente aperte

Truex è un altro momento importante dell’album: un pattern di note raddoppiate su una sorta di atmosfera rilassata e intrisa di influenze elettroniche – leggere tra le righe l’influenza dei Boards of Canada non sorprenderebbe – mostra quanto siano in grado di muoversi sul confine tra acustico ed influenze elettriche, mantenendo comunque il loro approccio al trio. É simile quello che succede in Beat 5. Un ritmo in quattro con una strana deriva ritmica che sembrerebbe indicare un cinque quarti, composto da David Preston inizialmente su un sequencer, capace di eccitare l’accelerazione e la decelerazione di Lowe. Il suono della chitarra è così nitido e cristallino da riprodurre una ballata pop contemporanea attraverso lo sguardo delle dinamiche del trio, ancora una volta supportato dalla saggezza armonica di Kevin Glasgow. La traccia di chiusura ripristina un umore apparentemente più austero. Il tema seriale di HWH, che Kevin Glasgow suona all’unisono con David Preston, è stato composto dal bassista ispirandosi al compositore Hans Werner Henze, le cui iniziali fanno il nome della melodia, e sembra richiamare un’atmosfera simile ad alcune esplorazioni atonali di Ben Monder. La traccia si scatena pur mantenendo una sensazione intima: David Preston inizia un assolo meditativo che alla fine si attenua dopo un paio di minuti in accordi sospesi. Il tema iniziale, ora rallentato, torna per il tappeto che fa da sfondo all’intenso assolo di Kevin Glasgow.

Un approccio maturo che mostra una profondità di soluzioni e dettagli, Something About Rainbows segna un balzo in avanti per il trio Preston Glasgow Lowe. Grazie ad un bagaglio dove il virtuoso è ora declinato in un modo più flessibile rispetto al passato, i tre sanno raggiungendo un livello più alto di esplorazione, di dettaglio delle più piccole sfumature che li piazza tra il jazz e la fusion in una maniera come nessun altro.

Preston Glasgow Lowe
Something About Rainbows

1.Fumes
2.Beat 5
3.Something About Rainbows
4.May
5.Truex
6.3D Weirdos
7.HWH

David Preston – guitar
Kevin Glasgow – bass
Laurie Lowe – drums

ALBUM CREDITS

Recorded and engineered by Adam Peters at Concrete Jungle (3, 4, 10, September 2017)
Mixed and mastered by Tyler McDiarmid, New York (July/August 2018)
Music arranged by Preston Glasgow Lowe
Produced by David Preston and Kevin Glasgow
Executive Producer – Michael Janisch
Photography by Josh Rose
Album Graphic Design by Sophie Moates

%d bloggers like this: